Amd Radeon RX 6700m in un primo confronto con RTX 3070 Mobile: più veloce del 9% (ma a diversi TGP)

by Luca Vitale
0 comment 288 views

Grazi a primi dati indipendenti postati sul portale cinese Zhihu possiamo farci un’idea dell’interessante proposta di medio alta fascia Laptop AMD. I test sono stati effettuati su un MSI Delta 15 su cui, pur non conoscendo la CPU specifica, sappiamo esser montata la serie 5000H, che supporta l’interessante funzione AMD Smartshift. Smartshift offre la possibilità di gestire il carico energetico reindirfizzadolo da CPU a GPU e viceversa in base agli scenari di utilizzo. 

Sappiamo che AMD RX 6700M è basata su una versione ridimensionata di Navi 22, mantenendo attivi 2304 Stream Processors. Strano ed unico il taglio di memoria, trattasi di ben 10 Gb GDDR6 su bus a 160 bit

Il primo test sintetico riportato è un ormai classico 3D Mark Time Spy. Qui le performance della scheda vengono confrontate utilizzando drivers differenti. La prima risultanza, ottenuta con vecchi drivers non meglio specificati, segnava 9282 punti. La seconda, ottenuta dopo l’installazione di Adrenalin 21.7.2, prima versione a supportare ufficialmente la scheda, ha visto segnare 9837 punti, migliorando il risultato di un buon 6%.

In linea teorica 6700M dovrebbe essere una soluzione pensata per il 1080p, ma la comunque generosa quantità di memoria le dovrebbe permettere di gestire senza problemi anche il 1440p o addirittura il 4K, anche se quest’ ultimo necessiterebbe senza dubbio di qualche compromesso.

Trattasi di scenario Laptop, i test si sono concentrati ad ogni modo sul 1080p, ed anche se purtroppo non conosciamo i setting specifici per ogni gioco, le risultanze medie riportano uno stacco del circa 9,1% rispetto la controparte in medesima fascia Nvidia 3070 con TGP Max Q ad 80w. 

E’ però doveroso far notare che 6700M (SKU R21M-E110-70) è fornita nelle varianti 80w, 110w e 135w TGP. Purtroppo né chi ha eseguito i test, né MSI fornisce informazioni chiare su quale sia la variante presente nel Delta 15 preso in esame. Ad ogni modo, osservando le risultanze ed i picchi energetici misurati, possiamo ipotizzare non si tratti della variante 135W, m più probabilmente della 110w visti i 115W regist rati utilizzando la tecnologia SmartShift

In poche parole, tali risultanze, sebbene ci diano un’idea delle ottime prestazioni medie della nuova scheda AMD, vanno per ora prese con cautela vista la parziale affidabilità dei test riportati nell’ attesa di test più approfonditi a parità di TGP.

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti