Dead Space Remake si mostra con alcuni filmati in-engine

by Zethras Gorgoth
0 comment 179 views

Dopo il suo annuncio ufficiale tramite un trailer trasmesso durante l’ultimo EA Play Live, il remake di Dead Space è entrato di diritto nel novero dei giochi più attesi, e non soltanto perché si tratta di uno dei giochi survival horror più apprezzati e influenti degli ultimi vent’anni, ma anche perché il franchise sembrava essere morto e sepolto dal 2013, anno in cui uscì l’ultimo contenuto ufficiale riguardo la saga di Dead Space. Non ci gireremo troppo intorno, non servirebbe a nulla, ma le aspettative sono altissime, anche grazie ai remake della ben più blasonata saga di Resident Evil che, soprattutto con Resident Evil 2 Remake, hanno di fatto stabilito un nuovo standard in materia di come un remake andrebbe fatto, pur coi loro innegabili difetti. Chi attende il remake di Dead Space può comunque gioire, poiché di recente sono stati diffusi tramite una live degli sviluppatori alcuni contenuti che ritraggono momenti di gioco catturati direttamente in engine. Vediamo di cosa si tratta.

Innanzitutto è bene ribadire una cosa fondamentale: Dead Space Remake utilizzerà come base il Frostbite Engine, che alcuni ricorderanno per essere stato l’engine sul quale sono stati costruiti giochi del calibro di Mass Effect Andromeda, Dragon Age Inquisition e Battlefield V. E a giudicare da quanto è stato mostrato nel corso della live, sembra che si stia facendo un lavoro a dir poco eccellente per rendere al meglio ciò che era l’originale Dead Space, anche in materia di illuminazione. Gli ambienti di gioco appaiono bui, certo, proprio come nel gioco originale, ma in generale l’atmosfera sembra essere stata rispettata in pieno, e il livello grafico sembra, nel suo complesso, enormemente valorizzato. Cosa che diventa ancor più evidente se si guarda la tuta di Isaac, protagonista del gioco, che appare più dettagliata che mai e i materiali di cui è composta restituiscono un maggiore senso di realismo e “corposità” allo sguardo.

Nel corso della diretta sono anche stati mostrati alcuni screenshot comparativi delle due versioni, mettendo a confronto la versione originale del 2008 con il remake, e c’è da dire che guardando le immagini l’una di fianco all’altra la prima reazione che viene spontanea è senza mezzi termini un moto di meraviglia. Certo, va tenuto da conto che si tratta di una build alpha del gioco, e che di conseguenza il risultato finale potrebbe non rispecchiare 1:1 quanto visto nelle immagini, ma possiamo dire senza timore di essere smentiti che il lavoro fatto finora sembra essere estremamente promettente.

Così come è estremamente promettente il fatto che Dead Space Remake non soltanto riproporrà un sistema di smembramento dei Necromorfi simile se non addirittura identico a quello del gioco originale, ma anche il fatto che il gioco rimarrà il più fedele possibile al materiale d’ispirazione e che, anzi, verrà espanso inserendo cut content non presente nella controparte del 2008. Inoltre è stato dichiarato che non sarà presente alcun tipo di microtransazione, cosa che in un panorama dove queste sono la norma non può che far piacere e far tirare un respiro di sollievo.

Stando alle dichiarazioni di EA, Dead Space Remake dovrebbe vedere la luce nel corso dell’autunno del 2022. E voi cosa ne pensate? Siete pronti per tornare sulla USG Ishimura?

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti