La risposta di Intel ad Apple M1 MAX

by Splintell
0 comment 157 views

Dopo la straordinaria presentazione di Apple e dei suoi nuovi SoC M1 Pro e MAX, la risposta di Intel non è tardata ad arrivare, anche se non in via del tutto ufficiale.
Spuntano online infatti i primi dati correlati da benchmark del top di gamma Intel per il mercato mobile, il nuovo i9 12900HK basato sulla nuova architettura Alder Lake (che per la prima volta porta su x86 chip eterogenei divisi in high consumption e high efficiency).

Come era prevedibile, siamo di fronte ad un nuovo mostro sacro di performance, capace di annichilire sia il semper fidelis Ryzen R9 5980HX che il nuovo arrivato Silicon M1 MAX.
Sulla potenza bruta e sulle prestazioni sappiamo fin troppo bene che Intel con la serie 12 sia molto promettente, ma queste prospettive giungono con un costo molto alto (letteralmente parlando). Sebbene siano tecnologicamente una ventata d’aria fresca, pare abbiano consumo di energia spaventoso che si traduce con una quantità di calore da dissipare complicata da gestire per qualunque cosa non sia un custom loop (il classicissimo 5 GHz all core arriva a consumare più di 300 watt).
Sotto questo aspetto non sappiamo ancora nulla lato mobile, ma immaginiamo facilmente che trattandosi pur sempre di portatili difficilmente supereranno i 65 watt (nuovo limite massimo per quelle macchine capaci di dare extra potenza alla CPU sotto carichi GPU molto bassi o inesistenti).

A seguire potete apprezzare quelli che indubbiamente sono solo dei primissimi test sulla nuova CPU.

Paragonandoli con le attuali proposte del mercato troviamo ancora una volta Intel come interprete dominante su tutti gli altri concorrenti.

Apprezzabili i miglioramenti in Single Core, in linea con l’incremento percentuale tipico dei passaggi di generazione, ma il vero risultato è il Multi Core, nel quale prima Apple ed immediatamente dopo Intel hanno facilmente sfondato il tetto dei 10000 punti, riuscendo a superare AMD di oltre il 50% in quello stesso campo dove era rimasta imbattuta per gli ultimi anni.

Un conto sono i test sintetici ed un altro è l’utilizzo reale, in cui la temperatura è il minimo comune denominatore al quale tutti devono sottostare; riuscirà il nuovo i9 12900HK a mantenere queste frequenze anche dopo alcune ore di rendering/gioco intenso?
Non ci resta che attendere le nuove uscite, in programma probabilmente già dal CES Las Vegas di Gennaio 2022.

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti