ASUS: annunciata la nuova serie ROG Thor

by Fabio Musso
2 comments 463 views

Durante un’evento di Asus per svelare nuovi dettagli sul nuovo chipset Z690 di Intel sono stati rivelati anche tre nuovi alimentatori della serie ROG Thor: Asus ROG Thor 1000w Platinum II, Asus ROG Thor 1200w Platinum II e Asus ROG Thor 1600 Titanium. Le nuove elevate potenze sono pensate per sistemi high-end e enthusiast.

L’azienda ha confermato che nelle nuove serie di PSU saranno presenti i nuovi connettori 12-pin PCIe 5.0 per supportare le prossime schede video in arrivo e che questi prodotti sono stati progettati con il supporto del team GPU per reggere qualsiasi tipo di carico e di picco. Nella diretta infatti è stato dimostrato che alcune schede top di gamma attuali, come la RTX 3090 presa in esempio, presentano spike di wattaggio durante l’utilizzo fino a 940 Watt creando così disagi o blackout durante l’uso intenso. Il produttore taiwanese assicura che, con i loro prodotti, questi disagi non si presenteranno.

Nella live di Asus ROG, inoltre, abbiamo interessanti dettagli relativi alle componenti interne pensate per i nuovi tipi di carichi ed una nuova ventola che cresce in misura, passando da 120mm a 135mm, e che abbraccia la tecnologia Axial-tech derivata dalle ventole delle GPU ROG per permettere un flusso maggiore e costante alla circuiteria della PSU. Le migliorie apportate hanno permesso ai modelli da 1000w e 1200w di ottenere il certificato 80+ Platinum che consente un’efficienza sotto carico di almeno un 92% a metà carico e dell’89% a pieno carico.

Il ROG Thor Titanium 1600w, ha la certificazione 80+ Titanium in grado di garantire il 94% al 50% ed il 90% al 100% di lavoro. Inoltre tutti i prodotti presentano il certificato Lambda A++ che serve per avallare una rumorosità minore ai 15 dBA mentre è sottoposto a qualsiasi livello di wattaggio.

Come in altri alimentatori è presente la modalità Zero RPM che permette di spegnere la ventola in condizioni di basso utilizzo o basse temperature, inoltre le ventole sono a doppio cuscinetto a sfera in modo da durare più ore e rimanere silenziose anche ad alte velocità. L’altissima efficienza del PSU da 1600w è dovuta anche ad un componente progettato insieme ad Intel, denominato Digital Power Control o DPC, che regola il segnale in uscita su tutti i connettori sia in voltaggio che in amperaggio consentendo inoltre una linea stabile e pulita importante per un buon overclock.

Nella confezione verrà fornito un cavo PCIe 5.0 (cavo compatto a 12-pin necessario al momento per le NVIDIA RTX 3000 di alta fascia NDR) per permettere a qualsiasi costruttore di collegare una GPU di nuova generazione. Le sorprese non finiscono qui in quanto la casa taiwanese applicherà una garanzia di 10 anni, come fanno attualmente anche altri marchi, per dimostrare la loro sicurezza sulla bontà del loro progetto.

Esteticamente i nuovi alimentatori presentano un design simile al precedente ma con dei dettagli rinnovati come, per esempio, il display OLED che ora presenta un pannello effetto specchio per un migliore impatto visivo ed i LED in grado di sincronizzarsi tramite AURA Sync per esaltare ancora di più la vostra build.

Le date di uscita per i nuovi alimentatori sono: metà Novembre 2021 per i modelli 1000w e 1200w mentre, per il modello da 1600w, dovremmo aspettare fine 2021. In aggiunta Asus ha dichiarato che uscirà una versione aggiornata anche del modello a 850w ma, per quello, dovremmo aspettare fino al Q1 2022.

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti
Notificami
guest
2 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Vincenzo Gentile
Vincenzo Gentile
10 mesi fa

Vabbè tra le GPU di ultima generazione ed Alder Lake, mi pare una scelta ben ponderata??

Patrick Grioni
Amministratore
Rispondi a  Vincenzo Gentile
10 mesi fa

Onestamente sarei per il risparmio, non per fregarmene e aumentare la potenza degli alimentatori.
Resto fedele a RX 5700 XT che ha TDP ragionevoli e R5 5600X che ha consumi straordinari per quello che offre.