Il successore di Nvidia Ampere nel 2022 inoltrato.

by Patrick Grioni
0 comment 452 views

Durante il GTC 2021 di ieri, Jensen Huang oltre ad aver presentato la prima CPU professionale di Nvidia su base ARM che vedremo nel 2023 (Grace), ma che a livello consumer poco ci interessa (essendo relegata ai calcoli IA in un ecosistema specifico fatto di memorie LPDDR5x e Nvlink) ha anche dettagliato la roadmap futura, sempre in ambito professionale, ma che può conferire un primo sguardo alle disponibilità future anche di Gpu RTX.

Il successore di Ampere non ha ancora un nome ufficiale, ma è evidente come vi sia la volontà di presentarlo nel corso del 2022, probabilmente sfruttando il nodo 5nm TSMC di cui Nvidia si è già assicurata gli adeguati spazi con una prenotazione preventiva, quindi non ripetendo, probabilmente, l’esperimento con Samsung.

Ricordiamo, infatti, che la resa sui 7nm, inizialmente opzione preventivata, non è stata consistente se non su chip dalle dimensioni inferiori ai 200mm2 e per questo motivo, a prezzo concorrenziale, si è virato sugli attuali 8nm: è stato questo il motivo della scarsa disponibilità, dinamica ancora non risolta ma per diversi risvolti.

Tutte le linee, GPU, CPU e DPU avranno un periodo di rinnovo con archi temporali fatti di 2 anni, una sfida tecnologica importante per Nvidia, perchè rischia di essere una promessa che non sempre sarà possibile mantenere.
Nel caso specifico di Ampere, la linea attuale, non c’è mai stato un periodo in cui fosse acquistabile con una certa tranquillità e a prezzi “giusti”, e ancora oggi passa quasi con un salto mancato rispetto a Turing, o comunque problematico: una nuova generazione troppo presto indispettirebbe, con ogni probabilità, la clientela.

Riteniamo che una data plausibile per il debutto delle nuove soluzione sia in Q4 2022.

Dal Vault è tutto, restate sincronizzati.

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti