RTX 3060 ti, eccola tra noi, presentazione e prime reviews.

L’ Arte del remake, quando il classico Incontra il moderno.
1 Dicembre 2020
Carenza di GPU e CPU Amd di nuova generazione: il vincolo sono le Console.
2 Dicembre 2020

RTX 3060 ti, eccola tra noi, presentazione e prime reviews.

In uscita domani 2 dicembre 2020 al prezzo di 399 dollari (la si troverà a 429 euro in reference design), RTX 3060 ti viene presentata ufficialmente da Nvidia: nessuna sorpresa in fatto di specifiche, già ampiamente speculate.

Sarà dotata di GA-104-200, 4864 cuda cores di cui la metà con capacità Int-Fp, 8 Gb GDDR6 con interconnessione 256 bit e 14 Gbps, un setting che le consentono di essere competitiva con RTX 2080 super.

GpuCoreCuda CoresBusQuantitativo memoriaTipo MemoriaVelocità RamPrezzo
RTX 3060 tiGA-104-2004864256 Bit8 GbGDDR614 Gbps429 euro

Nel contempo, ovviamente, sono uscite le prime review: computerbase alla risoluzione nativa di 2560×1440 la colloca mediamente a un 5% in più rispetto a 2080 super e a un 29% meglio di RX 5700 XT, mentre pareggia RX 6800 con Ray Tracing attivo, ma è bene sottolineare su un campione di soli 5 titoli effettivi (Cod Modern Warfare, Deliver us to the Moon, Metro Exodus, Shadow of Tomb Raider e Control)

Interessante anche il test di guru3d proprio sulle performance Ray Tracing, questa volta usando 3dmark in 2 scenari, uno ibrido Raster-Ray, l’altro Full Ray, in cui si assiste a una conferma degli ottimi riscontri in quest’ambito, andando a superare, non di poche lunghezze, RTX 2080 super quando il carico sugli RT cores diventa preponderante.

A livello di temperature, secondo Techpowerup, soprattutto i custom design, siamo sempre nell’ambito dell’eccellenza, con reference che sviluppano 73 gradi le Asus Strix OC che non arrivano ai 60.
Anche come rumorosità, tranne forse la Zotac Twin Edge, abbiamo promettenti riscontri, con un numero di giri della ventola mediamente sui 1500-1600 rpm, in questo caso la reference è uno dei prodotti più silenziosi.

Anche per questa versione di GPU Nvidia ha pensato a un Pcb non convenzionale e tagliato, mantenendo al contempo il connettore centrale proprietario da 12 pins (che non giova all’estetica), in questo caso dotato di 8 fasi di alimentazione con un controller UPI uP9512R, con le classiche 2 fasi per le Ram pilotate da un UPI uP1666Q, ovviamente le Ram sono Samsung K4Z80325BC-HC14 da 14 Gbps.

Insomma, un prodotto per 429 euro estremamente convincente, che sfiora vette elevatissime di performance a un prezzo del tutto ragionevole, soprattutto se si considerano le migliorie in campo Ray Tracing dove riesce a staccarsi nettamente dall’ombra di RTX 2080 super che, in condizioni raster o ibride, comunque riesce a sovrastare.


Altre Review


HexusReference
TweakTownReference
SweClockersReference
KitguruReference

lordpkappa
lordpkappa
Appassionato di Pc Gaming fin dai primi 386 dove mi dilettavo a giocare al mitico Dune, per poi passare a 486 DX, il mio primo vero Pc non in prestito fu un Pentium 166 con una S3 virge. Di anni ne sono passati, la passione è rimasta la stessa. Ho scritto per carta stampata (Pc Zeta), per il web (Kataweb, Everyeye, Gamesurf), oggi amministro un gruppo di ragazzi motivati in un progetto in cui credo fermamente, Pc Gaming Vault.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti