Il Gaming mobile ha un nuovo campione: benvenuto Tiger Lake-H

by Patrick Grioni
0 comment 335 views

Intel nella giornata di oggi ha annunciato la nuova serie di Cpu Mobile denominata Tiger Lake-H, col nuovo die Willow Cove che sarà presentato in configurazione fino a 8 cores, con TDP di 35-45 e 65W, a seconda della classe.

Si tratta di soluzioni pensate specificatamente per il mercato del gaming mobile, ma che onestamente non temono molto nemmeno tante soluzioni Desktop, raggiungendo importanti traguardi sia di supporto da parte dei produttori, sia di performance pure.

Queste nuove CPU Intel saranno prodotte con processo produttivo 10 nm Superfin (a differenza di Rocket Lake che ancora resta sui 14 nm) e chipset a 14 nm serie 500 collegati in DMI 3.0 8x, avranno una cache L2 di 1,25 Mb per core (quindi al massimo 10 Mb) e una L3 fino a 24 Mb, con supporto a AVX512 e l’integrazione della Gpu Xe LP con 32 unità di calcolo: completano il quadro 20 linee Pci-e 4.0 (oltre le 24 Pci-e 3.0 del chipset) e, ovviamente, il controller Ram a doppio canale DDR4.

CPUCoreThreadsDDR4Frequenza baseMax BoostTDP
i9 11980HK81632002,6 Ghz5 Ghz (TBM3)65W
i9 11900H81632002,5 Ghz4,9 Ghz (TBM3)35W
i7 11800H81632002,3 Ghz4,6 Ghz35W
i5 11400H61232002,7 Ghz4,5 Ghz35W
i5 11260H61232002,6 Ghz4,4 Ghz35W

Come molti lettori avranno notato, la Gpu integrata Xe LP con le sole 32 unità di calcolo è puramente accessoria, queste soluzioni sono pensate fin dal principio per essere accoppiate con GPU dedicate, che possono essere le versioni mobile di RTX di Nvidia o RDNA2 di Amd (più raramente).

A livello di pure performance, Intel stessa confronta questi nuovi processori con la soluzione AMD R9 5900HX e R9 5900HS con un divario in gaming, tutto da verificare ovviamente, che spazia da un 20% medio a un 5% quando si prende in esame I5 11400H.

A livello di disponibilità i vari partner Intel si sono mossi prontamente, e diversi modelli sono in dirittura d’arrivo nelle prossime settimane e già prenotabili.

Si spazia da Razer con il suo Blade 15 che come modello base propone un eccellente configurazione dotata di I7 e RTX 3070 con Monitor a 165 Hz per osare nei più raffinati con I9 e RTX 3080 con pannello 360 Hz, ovviamente i prezzi non sono certo popolari visto che si parte come minimo da 1700 dollari.

Più razionale Lenovo, che presenta le varianti Legion 7i (1799 dollari da giugno), Legion Pro I5 (1329 dollari da giugno) e Legion 5I (969 dollari da luglio) tutti dotati di Tiger lake-H ma di una diversa configurazione Gpu e, ovviamente, dotazione, solo 7i avrà RTX 3080 e una configurazione specifica in grado di spingere il TGP fino a 165W, gli altri modelli saranno potenziate dalle appena annunciate RTX 3050 e RTX 3050 ti.


Anche Acer non poteva mancare in questa carrellata con i modelli Predator, ormai da anni segno di performance elevate non solo in ambito mobile, e mantenendo uno schema simile agli altri produttori uscirà con 3 serie distinte: Predator Triton 300 (a partire da 1499 euro), dotato di pannelli da 165 a 360 Hz, RTX 3080 e i processori più veloci della nuova serie Tiger Lake-H, seguito da Predator Helios 300 comunque impreziosito da una più che eccellente RTX 3070 e le stesse opzioni a livello di pannelli, per finire con Acer Nitro 5 (da 999 euro) che potrà anch’esso essere potrnziato dai RTX 3070 ma presumiamo avrà configurazioni più improntate verso RTX 3050 e RTX 3050 ti.

Sembra proprio che l’ambito mobile avrà una serrata competizione quest’anno, soprattutto nello scenario che più ci interessa, quello gaming, dove mai come oggi soluzioni pensate specificatamente, sia lato Cpu che Gpu, fanno bella mostra di se anche nella grande distribuzione e, per certi versi, vista la carenza di Gpu dedicate Desktop, potrebbero rappresentare un’ottima alternativa anche economicamente appagante.

Ci si aspetta quindi un possibile aumento di 3 volte delle performance assolute, ma anche consumi che alzeranno l’asticella sia in classe media (300W) che in classe alta (400W): Nvidia, a quanto pare resterà sul monolitico con con Lovelace e AD102, che, sempre secondo alcuni Rumors dovrebbe essere dotata di 18432 Cuda Cores e 81 TFLOP di potenza (contro i 36 di RTX 3090), ma se la matematica non è un’opinione sono numeri non in grado di raggiungere il livello delle future proposte AMD.

Giocare la carta MCM, sfruttando l’esperienza Cpu, potrebbe essere stata una mossa vincente.

Se volete rimanere aggiornati sulle future novità riguardanti il mondo Pc sia esso Hardware o Gaming il Vault sarà sempre fecondo di articoli, se invece volte interagire anche con noi vi invitiamo a iscrivervi nel nostro gruppo Facebook.

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti