News Videogiochi

Resident Evil 3 Remake, performance consistenti.

Resident Evil è una serie che non ha bisogno di presentazioni.
Nell’ambito di una operazione nostalgia che ha portato ottimi riscontri con il remake del secondo capitolo della saga, mosso da un imponente RE engine, ottimizzato a dovere, soprattutto per architetture AMD, Capcon ha sfornato ieri, 3 aprile, anche la sua interpretazione, in chiave moderna, del capitolo dove Nemesis è la protagonista, tale Resident Evil 3.

La promessa della casa giapponese è stata di un miglior uso del motore RE engine sia in ambito visivo, che di performance: a quanto pare promesse mantenute.

A livello GPU se analizziamo i test di www.guru3d.com si nota come bene o male tutte le architetture sia in FHD che in 2k siano in grado di offrire performance di un certo livello, con soluzioni più indicate per i 1920×1080 che comunque sfoderano 60-70 fps di media, mentre in 4k solo gpu di alto livello riescono a mantenere quei margini.

Si comporta particolarmente bene Radeon VII, dinamica confermata anche dai test di altre testate quali www.techpowerup.com.

A livello, invece, di sfruttamento cores cpu, pare che fino a 4-8 threads si possa salire di performance, segno di una buona gestione del multicores, sia in DX12, ma soprattutto, in DX11 che anche questa volta si prestano a una maggiore velocità a livello di riscontri.

Infine lo sfruttamento ram, come il predecessore, nei setting di gioco si viene avvisati che il massimo dettaglio potrà saturare fino a 11 Gb di ram, in realtà si arriva in 4k a restare dentro gli 8 Gb, peraltro con la nuova API Microsoft che pur offrendo prestazioni minori consuma anche più Vram.

Potrebbe interessarti

Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti