Nvidia riesce dove Google fallisce : la nostra review di Geforce Now

Secret Lab Omega 2020: Odi Et Amo.
10 Aprile 2020
Comet Lake 10900F e efficienza termica
11 Aprile 2020

Nvidia riesce dove Google fallisce : la nostra review di Geforce Now

Indice

Geforce Now è il servizio di cloud gaming di Nvidia, ovverosia la possibilità di giocare ai propri titoli preferiti senza bisogno di un hardware performante a casa propria ma “affittando” un pc di Nvidia per fare streaming di un gioco a propria scelta, ponendosi come diretto rivale del discusso Google Stadia e del futuro Microsoft Xcloud.

Per accedere a questo servizio bastano pochi strumenti alla portata di tutti : un telefono/tablet Android5.0 (o superiore), con almeno 2 Gb di ram, un Pc con Win 7 (o successivi) a 64 bit (le versioni 32 non sono supportate), una connessione ad internet a banda larga, 15 Mbps per una risoluzione di 1280×720 a 60 fps e 25 Mbps per 1920×1080 a 60 fps; di seguito riporto alcuni dettagli aggiuntivi per i requisiti PC:

Windows 10:

Cpu Dual core x86 con 2.0 GHz o superiore
4 Gb di memoria di sistema
GPU che supporta almeno DirectX 11
Nvidia GeForce serie 600 o successiva
Amd Radeon Hd serie 3000 o successiva
Intel Hd Graphics serie 2000 o successiva

Mac Os :

iMac 20” fine 2009 e successivi
iMac 21.5” fine 2009 e successivi
iMac 27” fine 2012 e successivi
MacBook 2008 e successivi
MacBook Retina metà 2017 e successivi
MacBook Air 11” inizio 2015 e successivi
MacBook Air 13” fine 2008 e successivi
MacBook Pro 13” inizio 2015 e successivi
MacBook Pro 15” fine 2008 e successivi
MacBook Pro 17” 2009 e successivi
Mac Pro fine 2013 e successivi

Utilizzare GeForce Now è molto semplice, basta scaricare l’app “GeForce Now” sul proprio dispositivo compatibile, collegarsi con il proprio account Nvidia e successivamente con l’account dello store del gioco scelto.

Ma per meglio assaporare le modalità di utilizzo, di seguito, un esaustivo video di ben 12 minuti che vi darà un metro di come si presenta l’esperienza all’interno di Geforce Now, con relativi tempi morti, code per accedere a un server e un provato esaustivo che vi farà da preview della qualità che vi dovete aspettare.


Aggiungiamo a quanto detto e visto che per l’uso di quest’ app su dispositivi mobile è consigliabile l’utilizzo di un controller dedicato, come il Razer Raiju Mobile o il Steelseries XL (bene o male sono tutti compatibili, basta che la dimensione del dock coincida con la dimensione del telefono), è anche disponibile un pad, sullo schermo del telefono, dall’apposito menù a tendina, per nulla comodo ma un alternativa per chi non volesse investire per un controller (si possono usare anche i classici di Xbox e Playstation 4).

GeForce Now, come detto, è un applicazione ad abbonamento composta da 2 abbonamenti:

Gratuito:

  • Accesso standard (con possibili code dato il numero limitato di utenti per server)
  • Durata sessione di 1 ora

Pagamento 5,49euro/mese:

  • Accesso prioritario
  • Durata sessione estesa (6 ore)
  • Rtx on
  • Periodo di lancio gratuito di 90 giorni
Lollo
Lollo
Ciao a tutti, mi chiamo Lorenzo e sono appassionato di videogame da quando avevo 3 anni, con la mia prima console, la Playstation 1. Gioco a svariati generi videoludici, anche se prediligo gli Fps. Amo il gioco competitivo e mi alleno costantemente per migliorare, ma sono sempre disposto a prendermi una pausa e vivere delle fantastiche storie con giochi single player. Tra i miei giochi preferiti abbiamo: La saga di Halo (il 3 per la precisione), Monkey island, Vanquish, la saga di Red Faction (guerrilla in particolare), la saga di bioshock (in particolare il primo). Bhè, che dire... questo sono io. Vi auguro buona permanenza nel nostro vault!
Iscriviti
Notificami
guest
2 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
william filipponi
william filipponi
5 mesi fa

grazie per aver fatto questo articolo ragazzi…ammetto che GFN è un ottimo servizio anche se credo lo streaming ancora per alcune realtà locali “tipo dove abito io” sia ancora irraggiungibile.
Detto ciò penso che tra qualche mese sia in grado di ritagliarsi una buona fetta di mercato…..