Xbox Cloud Gaming, disponibile sui nostri Browser potenziato da RDNA2.

by Patrick Grioni
2 comments 373 views

E’ stato annunciato ieri l’arrivo di Xbox Cloud Gaming via browser su PC Windows 10 e dispositivi Apple (smartphone e tablet) per tutti gli abbonati a Xbox Game Pass Ultimate, all’interno di 22 Paesi, Italia inclusa.

Gli abbonati possono ora accedere al servizio tramite questo link su Microsoft Edge, Chrome o Safari utilizzando un PC o un dispositivo mobile per giocare agli oltre 100 giochi disponibili sul catalogo Xbox Game Pass.

Inoltre, a conferma dell’impegno di Microsoft nel rendere l’esperienza di cloud gaming ancora più appagante, il servizio Xbox Cloud Gaming adesso si basa sull’hardware di Xbox Series X (e quindi su Gpu con architettura RDNA2), consentendo a un numero sempre più ampio di giocatori di sperimentare tempi di caricamento più rapidi, frame rate migliorati, ovviamente rispetto all’ambito console essendo comunque caratteristiche che si apprezzano da anni sui computer da gaming.



Per assicurare una latenza ancora più bassa, un’elevata qualità dell’esperienza di gioco su un range di dispositivi più ampio, lo streaming sarà a 1080p e fino a 60fps.
Insomma, una possibilità in più, soprattutto su device mobile non particolarmente prestanti, certo, comunque un compromesso che come requisito necessita di una buona connessione, ma, sicuramente, una nicchia di utenza potrebbe trovarlo sfruttabile.

Quello che emerge è che il servizio “Game Pass” stia diventando molto trasversale, che è poi l’evidente strategia a lungo termine di Microsoft, che man mano si slega dai vincoli Hardware o di piattaforma, per creare un ecosistema del tutto nuovo e più furbo.


Potrebbe interessarti anche

Iscriviti
Notificami
guest
2 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Luca Vitale
Autore
1 anno fa

Provato, non funziona malaccio nemmeno con la mia modesta 30Mbit. In mobilità invece (iOs) con 4G pieno è risultato, almeno per me, inutilizzabile. Vorrei provarlo in 5G ma non ne ho ancora avuto l’opportunità. Certo interessante. Ma ben lontano dal poter spodestare il gaming su macchine tradizionali.