The Thaumaturge Review. Affascinante GDR fra Storia, magia e orrore

by Luca Bagatin
1 comment 393 views
Sviluppatore:Distributore:Versione testata:Costo:Data rilascio:
Fool’s Theory11 bit studiosSteam34,99 euro04/03/2024

In “The Thaumaturge”, affascinante gioco di ruolo isometrico edito da 11 bit studios (https://11bitstudios.com) e sviluppato da Fool’s Theory (https://www.foolstheory.com), vestirete i panni di Wiktor Szulski, un taumaturgo polacco, ovvero un uomo in grado di poter compiere miracoli e prodigi.



Nell’Impero Russo del 1905, comprendente anche l’allora Regno di Polonia, vassallo dello Zar Nicola II, vi troverete a investigare sulla morte di vostro padre e a prendere numerose scelte, nel corso dell’avventura, a caccia di oscuri demoni – i Salutor – che compiono prodigi, oltre che di misteriosi assassini.

Incontrerete personaggi famosi, come ad esempio il mistico russo Rasputin il quale, in “The Thaumaturge”, si presenta in modo completamente differente da come certa pessima storiografia lo ha descritto.

Rasputin, infatti, viene presentato – nel gioco – come un autentico mistico, che aiuterà Wiktor nelle sue indagini.
Wiktor, infatti, all’inizio del gioco si metterà alla ricerca di Rasputin, giungendo in Transcaucasia, in un villaggio abitato da poveri e superstiziosi contadini.


GAMEPLAY E MODALITA’ DI GIOCO


All’inizio del gioco, Wiktor, non dispone di tutti i suoi poteri, che guadagnerà via via, man mano che salirà di livello ed esperienza, nel gioco. E saremo noi a scegliere quali poteri, di volta in volta, potenziare. Se i poteri del Cuore, dello Spirito, dell’Azione o della Parola. Ogni potere e ogni suo miglioramento, ci sarà utile sia nel corso delle indagini che andremo ad intraprendere, che nei combattimenti contro gli avversari, oltre che nella capacità di manipolare il nostro interlocutore, a nostro piacimento e a seconda di quando ci converrà farlo.

Ci troveremo, infatti, a interagire con numerosi personaggi, nel corso del gioco e a ciascuno potremo dare risposte differenti. A volte, peraltro, potremo anche manipolarne le azioni.
Potrebbe anche accadere di trovarci coinvolti in combattimenti, ad esempio contro quale scalmanato contadino, oppure, più spesso, contro qualche soldato dello Zar.

I combattimenti sono piuttosto suggestivi, in quanto si svolgono a turni e, ad ogni turno, potremo decidere quale azione e approccio utilizzare. Potremo, ad esempio, decidere di attaccare rapidamente, oppure pianificare il nostro attacco, oppure, ancora, influenzare la concentrazione del nostro avversario – attraverso i nostri poteri taumaturgici – e colpirlo con più forza nel momento in cui è distratto.

Accanto a noi, ci sarà sempre un inquietante spirito amico (ma, nel corso del gioco, se ne potranno aggiungere altri), chiamato Oupyr, che, durante i combattimenti, sarà parte integrante degli stessi e sarà l’artefice stessa dei nostri poteri, colpendo, in modo invisibile, i nostri avversari, a seconda delle azioni che decideremo di intraprendere.

I combattimenti sono davvero gradevoli alla vista, in quanto,ogni azione che compiremo o che compirà il nostro avversario, sarà realizzata sottoforma di filmato cinematografico e ciò aumenta decisamente il realismo del gioco.

La parte iniziale del gioco funge da tutorial e ci spiegherà, di volta in volta, cosa poter fare e come farlo. Inoltre, sarà sempre disponibile un’apposita sezione nella quale consultare, non solo il nostro inventario; l’elenco dei nostri obiettivi (primari e secondari) e una piantina dei luoghi da poter visitare; ma anche l’elenco delle nostre indagini e relative conclusioni e, infine, anche una sorta di enciclopedia, nella quale potremo apprendere meglio il periodo storico nel quale ci troviamo e avere maggiori informazioni sul nostro personaggio e sugli esseri soprannaturali che ci circondano.

Eh sì, perché il nostro taumaturgo si trova a indagare sull’inquietante morte del padre – taumaturgo come lui – e a combattere, talvolta – come dicevamo – anche contro strane presenze soprannaturali, prese direttamente dalla mitologia dei Paesi dell’Est europeo.

Wiktor Szulski possiede, fra gli altri, il potere della percezione, attraverso il quale può leggere il pensiero delle persone e ricercare le tracce spirituali degli oggetti, al fine da trarne informazioni utili alla sua indagine.

In questo senso, Rasputin, ci metterà alla prova fin da subito.

“The Thaumaturge” è uno di quei giochi in cui la componente narrativa è centrale e nel quale i dialoghi sono numerosissimi, così come le possibili scelte da fare. In questo senso è vero un peccato che, il gioco, non sia tradotto in italiano, in quanto, chi non conosce una qualsiasi lingua europea in modo discreto, non potrà affatto comprenderlo e entrare nel vivo del gioco stesso.

Le meccaniche di investigazione e di ricerca delle conclusioni di tali immagini, è infatti l’aspetto sul quale si regge il gioco stesso. E sono proprio tali meccaniche che sono alla base della progressione del personaggio stesso e dei suoi miglioramenti, nel corso del gioco.

Gioco nel quale ci troveremo ad esplorare il Regno di Polonia dei primi del ‘900, soggetto all’Impero Russo. Una realtà nella quale si mescola la superstizione dei contadini, ma anche la volontà del popolo polacco, in particolare dei socialisti, di rovesciare la dominazione zarista.

Ci troviamo, infatti, nell’epoca nella quale i primi moti rivoluzionari socialisti stanno nascendo e si diffondono, dalle campagne alle città.

Wiktor Szulski si ritrova, dunque, a vivere quest’epoca tumultuosa, con un’eredità mistica che, per lui, è sia un vantaggio che un fardello, ma che gli permetterà di ricercare – e spesso combattere – contro oscuri e mostruosi demoni chiamati Salutors selvaggi, che infestano i luoghi che si trova a visitare e che compiono efferati omicidi contro l’innocente popolazione.


TECNICA


Sistema Prova HP OMEN 16
Processore: Amd Ryzen 7 series 5000
Scheda Grafica: NVIDIA GeForce RTX 3070
Ram: 16 GB
Archiviazione: SSD 1 TB

Se la componente narrativa di “The Thaumaturge” è centrale e quella dei combattimenti piuttosto suggestiva (per quanto relativamente breve), la componente grafica del gioco è discreta.

Nonostante il gioco sia realizzato in Unreal Engine 5 e quindi i dettagli di gioco siano molti, i personaggi, compreso il protagonista, sembrano muoversi in modo un po’ legnoso, come fossero dei manichini. In particolare, il movimento delle braccia, sembra talvolta innaturale e rende i personaggi un po’ goffi, come fossero degli automi.

Non che questo infici la bontà di un gioco sicuramente ben fatto, con i volti dei personaggi decisamente ben curati, ma, forse, ci si sarebbe potuto aspettare un maggior realismo nei movimenti del protagonista e del resto dei personaggi, anche quando si trovano a dialogare fra loro.

La qualità dei dialoghi, rigorosamente in inglese, è discreta, mentre il comparto delle musiche di sottofondo è decisamente migliore e rende molto bene l’atmosfera in stile horror-storico del titolo.

I punti di forza di “The Thaumaturge” sono decisamente legati alla narrazione, a una storia e a un’atmosfera ben costruite, oltre che a un periodo storico a noi italiani decisamente sconosciuto, raccontato da un team polacco che certamente conosce la sua Storia patria e vuole farla, per molti versi, rivivere, pur all’interno di un contesto horror e misticheggiante.


CONCLUSIONI


“The Thaumaturge” è sicuramente un gioco che darà grandi soddisfazioni a tutti gli appassionati di GDR profondi, in cui le scelte e conseguenze sono cruciali, in cui i combattimenti non sono troppi, ma quelli che ci sono sono ben fatti e in cui si possa vivere un’avventura all’interno della Storia, incontrando anche personaggi realmente esistiti.

Il tutto, devo dire, spinge il giocatore a volerne sapere di più e ad approfondire ulteriormente.

I punti di debolezza, come già sottolineato, la mancanza della lingua italiana e i movimenti poco naturali dei personaggi, che rendono a tratti la grafica obsoleta (nonostante i requisiti hardware per poterlo giocare non siano proprio leggerini).

Disponibile per pc su Steam (https://store.steampowered.com/app/1684350/The_Thaumaturge); Epic Games (https://store.epicgames.com/en-US/p/the-thaumaturge-3d7b2c) e GOG (https://www.gog.com/game/the_thaumaturge), per poter essere giocato è necessario un pc con sistema operativo Windows 10 o 11, con minimo 16 GB di RAM; una scheda video di fascia alta con minimo 6 GB di Vram e 30 GB di spazio libero su disco fisso.

Potrebbe interessarti anche

Iscriviti
Notificami
guest
1 Commento
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Patrick Grioni
Amministratore
1 mese fa

Interessantissimo, vista la sua natura a turni poi ancora più appetibile.